Azovstal nido d’amore e morte degli sposi

Anche un luogo come l’acciaieria Azovstal può diventare un nido d’amore e poi essere di morte. Quella che stiamo menzionando e la storia di Andriy e Valeria, che hanno deciso di unirsi in matrimonio durante i bombardamenti russi sopra il loro nido d’amore. Il nido d’amore di cui parliamo è l’acciaieria Azovstal di Maruipol in  Ucraina. Un luogo che purtroppo è diventata una tomba vivente per coloro che vogliono resistere all’invasione russa. Purtroppo dopo 3 giorni dal matrimonio, lo sposo è rimasto ucciso durante i combattimenti. Ma già entrambi conoscevano il loro destino. Già entrambi sapevano che il loro amore sarebbe stato senza futuro. Ma questo non importa, perché l’amore è più forte delle vicessitudini umane. D’altra parte la situazione nelle Acciaierie Azovstal di Mariupol è chiara a tutti quanti.

Azovstal nido d’amore e morte

Purtroppo non potranno arrivare soccorsi ad aiutarli. Il luogo della loro resistenza e anche il luogo della fine della loro vita terrena.

Immagine di archivio acciaieria Azostal
Foto di archivio

Quella che era una delle maggiori acciaierie d’Europa, si è trasformata nel simbolo dell’impossibilità di sopprimere la democrazia. La Russia appariva, prima dell’invasione dell’Ucraina, nel giusto a volere il maggiore rispetto dei diritti dei cittadini russofoni. Ma la scelta di ricorrere alle armi, ha dimostrato quanto ancora sia lontana la Russia dal consesso dei popoli. Andriy e Valeria erano due persone qualsiasi, che la Russia ha trasformato in due vittime. La scelta delle armi, anziché il ricorrere al dialogo, ha condannato la Russia. D’altra parte, dove non vi è una normale democrazia, che consenta un avvicendamento al potere dello Stato, inevitabilmente si giunge a forme di assolutismo. La conseguenza dell’assolutismo è sempre l’autodistruzione. L’uomo più ricco al mondo si chiamava Gheddafi, sappiamo tutti qual è stata la sua fine. Dopo la sua morte si ritiene che l’uomo più ricco al mondo, sia Vladimir Putin. Il tempo sarà giudice supremo.

Continua a leggere Amaci.eu